lunedì, settembre 24, 2007

L'uomo misterioso...


Questa è stata una giornata di quelle frenetiche.
Quelle giornate in cui non ti fermi un attimo e arrivi alla sera in un batter d'occhio.
Eh, stasera sono un po' stanca, non so neppure di che umore. Boh! Ho notato che ultimamente non mi chiedo mai come sto, perchè non voglio saperlo. Più che altro non mi voglio fermare a pensare. In fin dei conti è più comodo così, no? Esploderò in un colpo solo quando avrò fatto il pieno, lo so già.
Purtroppo sono fatta così, sono un po' periodica, l'ultima volta che ho pianto è stato fra le braccia di Andrea dopo aver accumulato un miliardo di paranoie. Solo che sempre più spesso mi ritrovo sola quando succede, e tendo a ricacciare indietro la voglia di piangere, perchè mi sento scema. Perchè è più dura farlo quando non c'è nessuno.
E dire che sono una che si commuove a parlare a tavola di un amico scomparso con persone che magari neppure conosce. Non so nascondermi, anche se ci provo. Anche se faccio la spaccona, quella che "tanto sopravviverò alla fine del mondo"... Alla fine sono io. E non sono così forte.

Sospiro. La realtà è che un po' di malinconia la sento: Venerdì mio fratello partirà per la Spagna. Purtroppo ho cercato in questi mesi di pensarci il meno possibile, ma alla fine penso proprio che mi mancherà e non posso più nasconderlo.
Guardiamo in faccia alla realtà: non sono mai stata lontana da lui per più di un mese, e adesso lui parte per quel paesino sconosciuto e ci resta a vivere 6 mesi!
Mi scombussola...
Sì, perchè poi lui è uno strano personaggio: con i capelli più lunghi dei miei, le basette folte e che veste con gli stessi vestiti da secoli, di nero. Però è intelligente, colto, e perfino elegante nei modi di fare. Ha un carattere particolare, fuori è burbero e se gli si toccano le sue cose si infuria immediatamente, però poi è tenero, ha piccoli accorgimenti che non pensavo potesse avere. Che volete farci, è mio fratello!

Domani università e (rullodi tamburi) scuola guida!
Se vi capita di passare per Genova, ecco, magari state attenti nei prossimi mesi!Ma la domanda mi sorge spontanea: Sarà per questo che mio fratello emigra?-_-

8 commenti:

christian ha detto...

ciao.
leggerti è un piacere,immaginarti un privilegio. non commenterò circa l 'uomo misterioso, anzi, io mi presento, mi chiamo christian.
sono rimasto affascinato dalle tue parole. dalla sensibilità che emanano. mi piace come ti esprimi. se mi leggi, sarà un onore.
notte.

Greg ha detto...

Questa malinconia sgusciante è il rigugito del "Rape-party" a cui sei sfuggita l'altra sera! Siamo tutti malinconici quando rischiamo di partecipare al "rape-party", quindi è comprensibile.
Riguardo alla scuola guida, non mi preoccuperei, è la tua grande occasione: metti sotto quelli del rape-party!
Tuo fratello se ne va in Spagna? E ti credo, non gli facevi fare la guerra con i transformers...Migrerei anche io in Spagna se non avessi nessuno con cui fare la guerra con i transformers...
Prova a proporgli di giocare insieme con i robot, magari ci ripensa!

AndreA ha detto...

Wow, bellissimo post, un concentrato di emozioni; mi hai fatto ricordare di quando è partito la prima volta per tanti mesi mio fratello.
Stesse emozioni, stesso smarrimento...
Un bacio, buona notte! ;-)

Mimmo ha detto...

...la maliconia strisciante pervade il mondo dei blogger in questi giorni!!!
un pò di vita...sù sù...

buondì! ;)

Urd ha detto...

@christian: mi inquieti un attimo, non si può neppure visualizzare il tuo profilo. "immaginarti un privilegio" mi spaventa un pochino XD


@Greg: ahahahah...mi hai fatto troppo ridere col tuo commento!Sìssì, li stenderò tutti, poi ultimamente sono molto propensa alla violenza(contro altra violenza, Ghandi sarebbe fiero di me!)... E' colpa dell'università comunque. E' vero però, non gli facevo fare la guerra coi transformers, quindi effettivamente ho errato qualcosa...

@Andrea: abbiamo scoperto che hai un fratello!Tu puoi capire allora com'è strano il rapporto tra fratelli... Ci sono persone che mi dicono "Ma mica parte per la guerra o cosa...poi torna"ma cazzo, non possono sapere come sia brutto. Certo, non mi struggo dal dolore stracciandomi le vesti, ma un fratello è un parente, come mamma o papà...

@Mimmo: tranquillo sono già su!Ora più che altro son preoccupata... Parte per l'Erasmus dopo domani e non gli hanno ancora trovato casa...

orchideablu ha detto...

ehy dai piccola...i mesi volano e tuo fratello sarà di ritorno in un batter d'occhio.
Bello il post, carico di emozioni.
ciao :-)

Ale ha detto...

Non è un post mieloso e malinconico, anzi.
Anche io ho un fratello più piccolo e penso che sia uno dei regali più belli che la vita abbia saputo farmi.
Nonostante abbiamo le litigate pesanti (con lui che minacciava di lanciarmi addosso forchette e coltelli O_o )o le gelosie e le presunte ingiustizie.
E pure io mi sento molto protettiva nei suoi confronti anche se vivamo ancora sotto lo stesso tetto.
Ma.. è il mio fratellino: guai a chi me lo tocca!

Stefano ha detto...

post pensieroso non malinconico...mi è piaciuto, l'ho letto volentieri...baci